REFERENZE

CORRISPONDENZA RICEVUTA 

Il giorno 30 aprile 2015 la Sig.ra Franca Martini ha scritto:

Egregio Prof. Zivny
 
è con grande piacere che stasera, dopo ben 20 anni da quando sono venuta da Lei, ho avuto l'occasione di rivederla in >TV  a Telecolor.
 
Con questo mio messaggio voglio riconfermarLe tutta la mia riconoscenza e soprattutto dirLe che grazie a Lei e all'ipnosi, da 20 anni non fumo più.
 
Erano  state 10 sedute difficili perché io fumavo 40 sigarette al giorno...ma grazie alla Sua bravura ce l'ho fatta.
 
In 20 anni  grossi problemi pratici ed esistenziali sono passati senza che io avessi la minima voglia di tornare a fumare, e in considerazione dell'arrivo  di gravi  problemi di salute,  posso oggi dirLe con sicurezza  che non sarei più qui a scrivere se io non avessi smesso di fumare 20 anni fa.
Ho avuto fiducia in Lei e ho capito che l'ipnosi era per me l'unica soluzione definitiva, La Sua bravura ha fatto il resto e rimarrà per me una delle più belle esperienze della mia vita.
 
E dopo 29 anni la Sua voce mi ha ancora indotto sicurezza, profondità, pace interiore, emozione.
 
Grazie per la passione con la quale continua a lavorare e ad aiutare tanta gente che come me non avrebbe mai creduto di poter fare il passo che feci.
 
Cari saluti
 
Franca Martini 
 
____________________________________________________________________________
 
Dal libro "Ti porterò nel buio" di Piero Degli Antoni:
 
______________________________________________________________

IL giorno 28 giugno 2016 la Sig.ra A.S. ha scritto:

 

Prof. Petr Zivny buongiorno.

Dopo 2 anni le scrivo per ringraziarla del risultato ottenuto,

il mio problema era: eccessiva empatia con le situazioni difficili di persone anche sconosciute

che non riuscivo a valutare con il necessario distacco.

Adesso pur condividendo le difficoltà altrui, se posso fare qualcosa ben volentieri,

se non riesco non perdo più la mia tranquillità (finalmente).

Mi conforta sapere, che in caso di difficoltà posso ancora rivolgermi a lei,

le mando un saluto e ancora un grazie.   

 

A.S.